Seguici su
Cerca

Palazzo Sartoretti

Argomenti :
Patrimonio culturale
Turismo
Il settecentesco Palazzo Sartoretti, con la sua mole scenografica, è collocato sul lato meridionale di Piazza Martiri.
Indirizzo Piazza del Martiri, 42046 Reggiolo RE, Italia
Punti di contatto
Cap 42046
Modalità di accesso

Dopo gli eventi sismici del maggio 2012 il palazzo sta per essere riparato.

Sul lato meridionale, Piazza Martiri è chiusa dalla mole scenografica dell’imponente settecentesco Palazzo Sartoretti.
Originario del XVI secolo, fu modificato nel 1765 dalla ricca famiglia omonima che vi abitò e che fu per decenni appaltatrice dei dazi dei Duchi di  Mantova e Guastalla.
Nel 1979 è stato lasciato in eredità al Comune, in seguito a lascito testamentario da parte dell’ultimo discendente della famiglia Sartoretti, Donna Amelia. Il palazzo, oggi totalmente  ristrutturato, è ritornato al suo splendore originario.

La facciata comprende il corpo centrale e due ali più basse articolate su tre livelli. Si susseguono, in modo ordinato e simmetrico, le aperture delle finestre: molto semplici quelle del piano terra destinato ai servizi, più grandi e più importanti quelle al piano nobile, di nuovo semplici al terzo livello che era destinato agli appartamenti della servitù.
All’interno, uno scalone settecentesco con balaustra porta alle stanze del piano nobile, caratterizzato da interventi pittorici attuati tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento che gli conferiscono una marcata connotazione neoclassica, con citazioni di interni e di decorazioni di gusto pompeiano. Notevole il magnifico salone delle feste (con pavimentazione originale) oggi denominato Salone dei Miti, nel quale le decorazioni a trompe-l’oeil creano all’occhio del visitatore sorprendenti effetti di tridimensionalità. Si segnala come curiosità la decorazione ricorrente con torrette e torelli che rimanda al nome della famiglia Sartoretti. Il mantenimento dell’assetto originale consente di apprezzare la struttura di un’abitazione signorile di un tempo.

Il primo piano è stato destinato alla Biblioteca Civica “Giorgio Ambrosoli”, inaugurata il 5 Luglio 2003 dopo un accurato restauro che le è valso il primo posto del Premio Nazionale Bibliocom 2003. Dopo i danni subiti dal sisma del 2012 e il restauro conseguente, il palazzo ospita oltre alla biblioteca, un'area museale dove sono conservate le nuove opere donate nel tempo da diversi artisti. 
Il palazzo si apre su un ampio giardino interno adibito a parco pubblico e aperto tutti i giorni. Il parco, attrezzato con aree di sosta e di gioco, si estende su una superficie di 10.800 mq e vanta 70 specie di piante autoctone tra cui alcune secolari.

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?
1/2
Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?
1/2
Vuoi aggiungere altri dettagli?
2/2
Inserire massimo 200 caratteri
È necessario verificare che tu non sia un robot